L’avversario di domenica: il Parma. The opponent of sunday: the Parma.

La situazione. Raggiunta la matematica certezza dell’Europa League, rimane la flebile speranza di raggiungere anche la qualificazione in Champions in extremis. Intanto iniziamo non prendendo in considerazione il Milan che probabilmente verrà escluso dall’Europa. Per questo possiamo iniziare a sperare nella sconfitta contemporanea di Atalanta [in una strana partita in cui gioca in casa formalmente, ma in realtà per i lavori allo stadio di Bergamo, scegliendo come casa il Mapei Stadium del Sassuolo contro cui giocherà, diventa di fatto una partita in trasferta) e Inter ( che affronterà in casa l’agguerrito Empoli che sta raggiungendo un’insperata salvezza), oppure sperare di vincere 5-0 col Parma (nel caso l’Atalanta non perda, trovandoci al quarto posto con l’Inter) che è difficilissimo, però non poniamo limiti alla Provvidenza. Come potete capire siamo legati a risultati degli avversari anche abbastanza stravaganti.

Quindi perché dobbiamo vincere? Al di là della classifica e della qualificazione alla prossima Champions, è doveroso vincere per onorare al meglio la splendida carriera in giallorosso di quel grande romanista e centrocampista (l’unico vero centrocampista secondo Capello) che è De Rossi. Dobbiamo azzannare il campo. Voglio rabbia agonistica.

Il Parma gioca col 532 con il terzino sinistro (Di Marco o Gobbi) più offensivo del terzino destro (Gazzola). Kucka e Barillà fanno sia la fase difensiva che la fase offensiva. Il primo è pericoloso soprattutto con i tiri da fuori. Il secondo è pericoloso principalmente con i colpi di testa-. Siligardi è la seconda punta e Ceravolo è la prima punta, non molto alto, ma comunque molto bravo di testa. Facciamo attenzione.

Con uno stadio pieno, ma anche con un clima non del tutto amichevole, dobbiamo affrontare una partita importante per la classifica, ma soprattutto per salutare al meglio Daniele. E’ doveroso mettere in campo tutto quello che abbiamo. E’ doveroso vincere. Daje Roma!

The situation. Having reached the mathematical certainty of the Europa League, the faint hope of reaching even the qualification in Champions at the last minute remains. Meanwhile, let’s start by not considering Milan, which will probably be excluded from Europe. For this we can start to hope for the contemporary defeat of Atalanta [in a strange game in which he plays formally at home, but in reality for the work at the stadium in Bergamo, choosing the Mapei Stadium of Sassuolo against which he will play, become in fact a match as guest) and Inter (who will face the fierce Empoli at home who is reaching an unexpected keeping serie A), or hope to win 5-0 with Parma (if Atalanta does not lose, finding us the fourth place with the Inter) which is very difficult, but we do not set limits to Providence. As you can understand we are tied to the results of the opponents also quite extravagant.

So why do we have to win? Beyond the standings and the qualification for the next Champions League, it is right to win to best honor the splendid career in red and yellow of that great Roma player and midfielder (the only true italian midfielder according to Capello) who is De Rossi. We must bite the field. I want competitive rage.

Parma plays with the 532 with the left-back (Di Marco or Gobbi) more offensive than the right-back (Gazzola). Kucka and Barillà make both the defensive phase and the offensive phase. The first is dangerous especially with shots from outside. The second is dangerous mainly with head shots-. Siligardi is the second striker and Ceravolo is the first striker, not very tall, but still very good at the head. We pay attention.

With a full stadium, but also with a climate that is not entirely friendly, we have to face an important game for the standings, but above all to greet Daniele better. It is our duty to put into practice all that we have. It is our duty to win. Daje Roma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.