L’avversario di mercoledì: il Perugia. The opponent of wednesday: the Perugia.

In un crescendo di difficoltà della sfida, passiamo da avversari di Serie C ad avversari di Serie B di vertice classifica come il Perugia, tenendo ben presente che le squadre di Serie A di bassa classifica significheranno una sfida più difficile, sia perché hanno qualità tecnica superiore, sia perché siamo ancora in preseason e il risultato non ha valore.

In ogni caso, è una sfida da non sottovalutare che i biancorossi umbri giocheranno col coltello fra i denti, perché siamo un avversario prestigioso, con un atteggiamento non per forza da sparring partner, anche per la mentalità offensiva di Oddo.

Ci sono due punti che mi interessano principalmente: 1) Dobbiamo far funzionare bene il pressing, chiudendo l’avversario all’angolo, con pressing-recupero-possesso-tiro-pressing-recupero 2)Dobbiamo essere pronti quando romperanno l’assedio, partendo in contropiede.

Oddo mette in campo il Perugia con un 4321 che, a seconda delle caratteristiche dei giocatori schierati, può diventare 433. Dragomir è il calciatore di maggiore classe. Capone è un ala sinistra, ma è destro, quindi bisogna stare attenti soprattutto quando converge al centro. Buonaiuto è un ala destra ed è destro quindi più portato all’assist per Iemmello (o Melchiorri). Attenzione anche a Paulo Fernandes, trequartista spagnolo con un passato recente nel Manchester City.

E’ più importante la prestazione del risultato, ma il risultato di vittoria è spesso naturale conseguenza di una buona prestazione. L’avversario è alla portata, ma non è da sottovalutare. Daje Roma!

In a growing difficulty of the challenge, we move from Serie C opponents to top-class Serie B opponents like Perugia, keeping in mind that low-ranking Serie A teams will mean a more difficult challenge, both because they have superior technical quality, both because we are still in the preseason and the result has no value.

In any case, it is a challenge not to be underestimated that the Umbrian red and white will play with the knife between their teeth, because we are a prestigious opponent, with an attitude not necessarily as a sparring partner, even for Oddo’s offensive mentality.

There are two points that interest me mainly: 1) We must make the pressing work well, closing the opponent on the corner, with pressing-recovery-possession-shooting-pressing-recovery 2) We must be ready when they break the siege and go in counter attack.

Oddo puts Perugia in the field with a 4321 which, depending on the characteristics of the players on the field, can become 433. Dragomir is the highest class player. Capone is a left wing, but it’s right, so be careful especially when it converges to the middle. Buonaiuto is a left wing and is left therefore with more attitude for assist for Iemmello (or Melchiorri). Attention also to Paulo Fernandes, Spanish offensive midfielder with a recent past in Manchester City.

The performance than the score is more important, but the victory score is often a natural consequence of a good performance. The opponent is within reach, but should not be underestimated. Daje Roma!

Giordano Sepi

Roma – Ternana 3-1

Complimenti alla Ternana. E’ la squadra più forte di quelle che abbiamo affrontato della Serie C (comprese Gubbio e Rieti) e, per me, può ambire alla promozione in Serie B. Le punte sono un pò troppo panzerotte (Marilungo, Ferrante, ma principalmente Vantaggiato), ma ha centrocampisti di categoria superiore come Furlan e Defendi.

L’ iniziale impressione è che non tiriamo molto in porta, sia perché Schick è molto meno fisico di Dzeko (in generale si è sentita l’assenza del bosniaco), sia perché abbiamo fin troppo la presunzione di volersi presentare davanti alla porta, sia perché quando qualcuno faceva il break, qualcun altro era troppo impreciso nel passaggio, nel dribbling o nel tiro. Devo dire però che soprattutto grazie ai dribbling di Pastore e Under alla fine siamo stati abbastanza efficaci in fase realizzativa.

Dobbiamo essere più precisi nella marcatura a zona sui calci piazzati da cross, soprattutto sul secondo palo, mentre è stato bravo in questa situazione nelle uscite Pau Lopez (bravo anche con i piedi), anche se ripeto che il punto più importante sono le chiamate del portiere ai difensori, specialmente quelli centrali.

Qualche volta in fase di costruzione avevamo il piede troppo moscio (specialmente Diawara). Meglio un passaggio più forte anche se il compagno è costretto ad un controllo difficile, che un passaggio troppo lento che lancia il contropiede avversario. Il pressing ha funzionato molto bene. Quando perdevamo palla, la recuperavamo presto anche in zona molto offensiva (bravissimo in questa fase anche Pastore). Con le squadre con meno qualità tecnica (anche se la Ternana ha fatto anche buona costruzione), può andare bene, ma con le squadre più forti, non si può programmare un possesso palla del 70%. Serve anche un Piano B. Serve anche una buona fase difensiva.

Ora testa al Perugia, in un test molto più difficile con una squadra che ha giocato i playoff di Serie A e che quest’anno vuole la promozione. Dobbiamo continuare nel processo crescita. Sarà dura ma è un avversario alla nostra portata. Daje Roma!

Congratulations to Ternana. It is the strongest team of those we have faced in Serie C (including Gubbio and Rieti) and, for me, can aspire to promotion in Serie B. The strikers are a little too chubby (Marilungo, Ferrante, but mainly Vantaggiato), but it has higher category midfielders like Furlan and Defendi.

The initial impression is that we don’t shoot a lot on goal, either because Schick is much less physical than Dzeko (in general the absence of the Bosnian was felt), and because we have too much the presumption of wanting to present ourselves very near the goal, both because when someone made the break, someone else was too imprecise in passing, dribbling or shooting. I must say however that above all thanks to the Pastore and Under dribbles at the end we were quite effective in the realization phase.

We have to be more precise in the area marking on free kicks for assist, especially at the second post, while he was good in this situation in the going out Pau Lopez (also good with his feet), although I repeat that the most important point is goalkeeper calls to defenders, especially the central ones.

Sometimes we were too limp in the construction phase (especially Diawara). Better a stronger pass even if the teammates is forced to a difficult control, that a too slow pass that launches the opponent’s counterattack. The pressing worked very well. When we lost the ball, we soon recovered it even in a very offensive area (Pastore was also very good at this stage). With the teams with less technical quality (even if the Ternana has also done good construction), it can go well, but with the strongest teams, you cannot plan a 70% ball possession. We also need a Plan B. We also need a good defensive phase.

Now head to Perugia, in a much more difficult test with a team that played the playoffs for Serie A and that this year wants promotion. We must continue in the growth process. It will be tough but it is an opponent within our reach. Daje Roma!

Giordano Sepi

Roma – Rieti 7-0

La Roma vince 7-0 col Rieti (1-0 dopo il primo tempo quando erano schierati pochi possibili titolari). Da sottolineare la prestazione di Zaniolo (schierato ala destra), Florenzi, Under e Spinazzola.

Bravo anche Schick, entrato nell’ultimo quarto d’ora con la maggior parte dei titolarissimi, ha segnato una doppietta. Se dovessimo vendere Defrel e Dzeko, sarebbe importante tenere almeno il ceco per avere almeno un centravanti già abituato all’ambiente e perché sta giocando molto bene (e comunque non escludo a priori che Edin possa restare).

Il confronto con la preseason dello scorso anno è positivo. In questi giorni perdevamo 4-1 col Tottenham, dopo aver pareggiato con l’Avellino(1-1), che aveva giocato in B ma venne esclusa proprio nel giorno dell’amichevole dalla serie cadetta.

Ora è importante prepararsi bene per le prossime sfide. Già il Perugia sarà un ottimo banco di prova. Daje Roma!

Roma won 7-0 with Rieti (1-0 after the first half when a few possible starters were lined up). To underline the performance of Zaniolo (lined up right wing), Florenzi, Under and Spinazzola.

Schick was also good, having entered the last quarter of an hour with most of the starters, he scored a double. If we were to sell Defrel and Dzeko, it would be important to at least keep the Czech player to have at least one striker already accustomed to the climate and because he is playing very well (and in any case I do not exclude precoinceved that Edin may stay).

The comparison with last year’s preseason is positive. These days we lost 4-1 with Tottenham, after drawing with Avellino (1-1), who had played in B but was excluded just on the day of the friendly from the league.

Now it’s important to prepare well for the next challenges. Perugia will already be an excellent test. Daje Roma!

Giordano Sepi

Coraggio. Courage.

Nei nostri tempi, il pericolo più grande che può correre un individuo è essere pieno di paure e di pregiudizi. La politica e i media spingono molto su questi tasti. Ci sono anche paure legittime come quelle per il cambiamento climatico e l’inquinamento, ma la maggior parte sono irrazionali e provocano danni indotti da queste paure. Per questo, l’individuo di oggi deve confrontarsi con i media (anche col vostro pessimo blogger) e i politici con consapevolezza, liberarsi dai pregiudizi e affrontare con coraggio gli ostacoli come quando da piccoli affrontavamo mostri orrendi con la playstation. Allo stesso modo, Fonseca sta dimostrando coraggio fino alla spregiudicatezza con le sue prime scelte tattiche, schierando Pastore mediano, Florenzi attaccante sinistro e mediano e Kolarov e Santon centrali difensivi.

Il coraggio non deve essere temerarietà, ma deve essere accompagnato dalla razionalità, dalle precauzioni difensive e dall’osservazione tattica. Non ritengo attendibili i test di questi giorni (con Tor Sapienza, Trastevere e Gubbio), ma qualche segnale positivo c’è. La squadra ha mostrato una buona forma (mi ha colpito particolarmente Antonucci, che può giocarsi le sue chance in prima squadra) e un atteggiamento prettamente offensivo. Anche quando perdevamo palla, abbiamo sempre fatto quei famosi 3 passi in avanti, che come ho sempre detto sono meglio dei 30 metri di corsa indietro. La nostra religione deve essere il lavoro attraverso un gruppo forte ed entusiasta di stare insieme accompagnato da riunioni tattiche e per capire il regolamento e gestire al meglio le decisioni arbitrali.

Ma il fatto recente più importante è che nonostante una stagione deludente, nonostante la giungla dei broadcasters romani, nonostante un clima pessimista, i romanisti hanno dimostrato amore e comprato l’abbonamento in circa 20.000. Allo stadio ci sarà un clima infernale per gli avversari e il coraggio dei tifosi spingerà il pallone in gol per la Roma. Il coraggio deve essere anche la caratteristica principale della squadra non solo col Tor Sapienza, ma anche col Rieti, Ternana, Perugia, Lille e Athletic Bilbao (che saranno i nostri prossimi avversari in un climax di difficoltà) fino a quando affronteremo Napoli, Juventus, Inter e le altre grandi squadre italiane ed europee. In fondo, se non credi in te stesso, chi ci deve credere? Daje Roma!

In our times, the greatest danger that an individual can run is to be full of fear and prejudice. Politics and the media are pushing hard on these keys. There are also legitimate fears such as those for climate change and pollution, but most are irrational and cause damage caused by these fears. For this reason, today’s individual must deal with the media (even with your bad blogger) and politicians with awareness, freeing himself from prejudices and courageously facing obstacles, such as when we were little kids when we faced hideous monsters with playstation. In the same way, Fonseca is showing courage up to the point of ruthlessness with his first tactical choices, deploying Pastore media, Florenzi left forward and central midfielder and Kolarov and Santon central defensives.

Courage must not be recklessness, but must be accompanied by rationality, defensive precautions and tactical observation. I do not consider the tests of these days to be reliable (with Tor Sapienza, Trastevere and Gubbio), but there are some positive signs. The team showed good form (I was particularly impressed by Antonucci, who can take his chances in the first team) and a purely offensive attitude. Even when we lost the ball, we have always done those famous 3 steps forward, which, as I have always said, are better than the 30-meter race back. Our religion must be work through a strong and enthusiastic group to be together accompanied by tactical meetings and to understand the regulation and manage referee decisions in the best possible way.

But the most important recent fact is that despite a disappointing season, despite the jungle of Roman broadcasters, despite a pessimistic climate, Romanists have shown love and bought the season ticket in around 20,000. At the stadium there will be an infernal climate for the opponents and the courage of the fans will push the ball into the goal for Roma. Courage must also be the main feature of the team not only with Tor Sapienza, but also with Rieti, Ternana, Perugia, Lille and Athletic Bilbao (which will be our next opponents in a difficult climax) until we face Napoli, Juventus, Inter and other great Italian and European teams. After all, if you don’t believe in yourself, who should believe it? Daje Roma!

Giordano Sepi

Tempi da lupi. Il Tor Sapienza. Il Trastevere.

Iniziamo a intravedere la Roma 2019-20. Complessivamente continuiamo ad essere una squadra fortissima per la fase offensiva, ma quella da correggere è la fase difensiva, per cui sarà da tenere d’occhio il nuovo centrale difensivo Mancini (benvenuto!). Non possiamo pensare di tenere palla sempre, anche se abbiamo aumentato la qualità del possesso grazie all’arrivo di Veretout (benvenuto!). Dobbiamo essere capaci di recuperare palla a centrocampo. Per questo scommetto su Zaniolo come mediano, perché ha dimostrato di riuscire in questo fondamentale. E’ così indietro nella mia gerarchia perché continuiamo a parlare di un ragazzo di circa 20 anni, seppur dalle potenzialità incredibili (tenendo sempre conto che la prospettiva è Tardelli, non Roberto Baggio). Non ritengo invece Pastore un mediano. E’ bravo nel possesso palla, ma non abbastanza nel recupero. Tante volte io e il mio amico Leonardo Gilenardi abbiamo sottolineato il problema dei pochi contrasti. Dobbiamo assolutamente correggere questo problema. Daje Roma!

Di seguito trovate il calendario delle amichevoli della preseason. L’avversario cresce gradualmente. Si parte col Tor Sapienza e il Trastevere e si finisce con Lille e Valladolid. Probabilmente il calendario non è ancora completo.

A Trigoria: 18 luglio 17:30 Roma-Tor Sapienza, 20 luglio Roma-Trastevere 17:30, 24 luglio Roma-Gubbio 17:30, 27 luglio Roma-Rieti 10:00, Roma-Ternana 17:30, Al Curi: 31 luglio Perugia-Roma ore 20:30, 3 agosto Lille-Roma 20:30: da definire Roma-Valladolid

We begin to see the Rome 2019-20. In general, we continue to be a very strong team for the offensive phase, but the one to correct is the defensive phase, so it will be necessary to keep an eye on the new central defender Mancini (welcome!). We cannot think of keeping the ball always, even if we have increased the quality of possession thanks to the arrival of Veretout (welcome!). We must be able to recover the ball in midfield. This is why I bet on Zaniolo as a defensive midfielder, because he has proven to be successful in this fundamental. It is so far back in my hierarchy because we continue to talk about a boy of about 20 years, albeit with incredible potential (always bearing in mind that the perspective is Tardelli, not Roberto Baggio). I do not consider Pastor a defensive midfielder. He is good at ball possession, but not good at recovery. Many times me and my friend Leonardo Gilenardi have highlighted the problem of the few tackles. We absolutely need to correct this problem. Daje Roma!

Below is the preseason friendly schedule. The opponent grows gradually. It starts with Tor Sapienza and Trastevere and ends with Lille and Valladolid. Probably the calendar is not yet complete.

In Trigoria: 18 July 17:30 Roma-Tor Sapienza, 20 July Roma-Trastevere 5.30pm, 24 July Roma-Gubbio 5.30pm, 27 July Roma-Rieti 10.00am, Roma-Ternana 5.30pm, Al Curi: 31 July Perugia-Roma 20:30, 3 August Lille-Roma 20:30: to be defined Roma-Valladolid.

Giordano Sepi

L’attuale rosa. The roster of now.

Uno sguardo generale. Era inutile scrivere nei scorsi giorni, quando erano più le fake news che le notizie vere. Nel momento in cui scrivo, già si intravede una struttura di squadra, ma la Roma sta trattando diversi giocatori (sia in entrata che in uscita). Non li ho messi nell’immagine per correttezza col lettore, ma nell’analisi ne parlerò per completare alcuni ragionamenti. Invece i punti di domanda riguardano quei calciatori che erano titolari o semititolari che potrebbero partire, tranne Zaniolo come attaccante destro, per il quale ho dei dubbi sulla sua utilità in quella posizione.

La difesa. Marcano dovrebbe essere in partenza verso il Porto. Potrebbe essere sostituito da Bartra, il che significa un miglioramento della qualità tecnica. Badate bene, Marcano è un ottimo difensore, ma qui non ha provato le sensazioni che provava in Portogallo, dove giocava molto bene anche per un’altra tattica e cultura calcistiche. Serve un difensore veloce da affiancare a uno che costruisce, data la partenza di Manolas. Con queste caratteristiche c’è già Juan Jesus, ma serve un altro difensore bravo nella corsa e nella fase difensiva. Per questo, la Roma sta trattando Nedelcearu, difensore dell’ottima Under 21 rumena. Come terzini. siamo anche in troppi (benvenuto Leonardo!). Per questo, è probabile la cessione di Karsdorp.

Il centrocampo e le ali. Il grande problema del 2018/19 era la mancanza di centrocampisti che recuperavano palla. L’acquisto di Diawara e la trattativa di Barella dovrebbero risolvere il problema. Per me, Zaniolo può fare anche il mediano. Non lo vedo invece adatto come ala destra. Sia nel ruolo di ala destra, che di ala sinistra siamo ben coperti, ma è doveroso rinnovare il contratto a ElSha dopo il suo rifiuto alla Cina. Abbiamo sia ali più brave nell’assist come Perotti e Kluivert, sia più brave nel tiro come ElSha e Under.

L’attaccante. Vista la partenza di Dzeko, dobbiamo cercare un attaccante centrale, Sono molte le informazioni ufficiose sulle trattative della Roma, ma ho fiducia in Petrachi e Fonseca.


A general look. It was useless to write in the past few days, when fake news was more than real news. At the time of writing, a team structure is already visible, but Roma is dealing with several players (both incoming and outgoing). I did not put them in the image to be correct with the reader, but in the analysis I will talk about some to complete some arguments. Instead the points of question concern those players who were starters or semi-starters who could leave, except for Zaniolo as a right-wing, for whom I have doubts about his usefulness in that position.


The defense. Marcano should be leaving for Porto FC. It could be replaced by Bartra, which means an improvement in technical quality. Mind you, Marcano is a great defender, but here he did not feel the sensations he felt in Portugal, where he played very well for another football tactic and culture. You need a fast defender to join one who builds, given the departure of Manolas. With these characteristics there is already Juan Jesus, but another good defender is needed in the race and in the defensive phase. For this reason, Roma is negotiating Nedelcearu, defender of the excellent Romanian Under 21 team. Like fullbacks. we are too many (welcome Leonardo!). For this reason, the sale of Karsdorp is likely.


The midfield and the wings. The big problem of 2018/19 was the lack of midfielders recovering the ball. The purchase of Diawara and Barella’s negotiation should solve the problem. For me, Zaniolo can also do the median. I don’t see it as a right wing instead. Both in the role of right wing and left wing we are well covered, but we must renew the contract to ElSha after its refusal to China. We have both better assist’s wings like Perotti and Kluivert, and are better at shooting like ElSha and Under.


The striker. Given the departure of Dzeko, we must look for a central forward, There is a lot of unofficial information on Roma’s negotiations, but I trust Petrachi and Fonseca

Giordano Sepi

Caro Paulo

Caro Paulo Fonseca, so che hai esperienza di calcio dai livelli più umili fino alla Champions. In Primeira Liga hai portato fino al terzo posto il Pacos De Ferreira. Sembrava che nulla ti potesse fermare. Poi è arrivata l’ esperienza negativa del Porto (anche noi abbiamo avuto un paio di esperienze negative coi Dragoes). Poi lo Shakthar. 3 campionati. 3 coppe e 1 Supercoppa ucraina. Una storia professionale che si è mischiata con la vita privata. L’ amore di una bella e intelligente donna. E adesso Roma.

Ambiente. Preparati. Non troverai solo amici a Roma. Troverai i nostri rivali: la Lazio. Una rivalità talmente acerrima da vedere la sconfitta dell avversario come una vittoria, anche se con un altro avversario e insignificante per la classifica. Troverai media aggressivi che vedono la Roma, quando è veramente forte, scomoda. O perché sono media del Nord Italia, o perché hanno interessi concorrenti allo Stadio della Roma, o perché attizzano il fuoco della polemica nella Roma (con tanti romanisti molto fragili perché siamo arrivati secondi 9 volte negli ultimi 18 anni). Ma troverai anche tanto amore. Troverai uno stadio pieno pronto ad abbracciarti. Troverai un popolo che riconoscerà il tuo valore. Il macellaio, il fruttivendolo, il meccanico, il giornalaio si informeranno da te e avranno sempre una parola di incoraggiamento.

Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, servono un difensore (se dovesse partire Manolas) e un centrocampista che fanno bene la fase difensiva e che hanno corsa. Il difensore farebbe coppia con Fazio o Marcano più bravi in impostazione. Considerando la partenza di Manolas (che continuo a considerarlo fondamentale nella Roma), avremmo un solo difensore specifico per la fase difensiva che sarebbe Juan Jesus. Insomma un difensore bravo nella fase difensiva è vitale. Serve anche un centrocampista che abbia corsa e bravo nel recupero palla (ad esempio riprenderei Frattesi e Luca Pellegrini ce stanno giocando benissimo nel Mondiale Under 20 come mezzale ), oltre ad un costruttore di gioco come Veretout (per cui la Roma si sta muovendo per sostituire DDR). Infine se vogliamo lottare per l Europa League e per un posto in Champions , cose che sono alla nostra portata, servono un paio di giocatori vecchi con esperienza anche internazionale, che non gli tremano le gambe quando le partite diventano importanti e danno coraggio agli altri giocatori.

Il coraggio di essere positivi. In ogni caso se vogliamo il bene della Roma, dobbiamo essere positivi. Forse non è giusto essere matti come me che ho rinnovato in Curva Sud quando non si sapeva nemmeno l’ allenatore. Ma l’atteggiamento positivo è benefico in ogni campo, come dimostrano diversi studi universitari. Se volete bene alla Roma, sostenetela nei social, negli allenamenti e durante la partita. D’ altronde, l’ essenza del tifoso è tifare. Daje Roma!


Dear Paulo Fonseca, I know you have experience of football from the humblest levels to the Champions League. In Primeira Liga you took Pacos De Ferreira to third place. It seemed that nothing could stop you. Then came the negative experience of Porto (we also had a couple of negative experiences with Dragoes). Then the Shakthar. 3 championships. 3 cups and 1 Ukrainian Super Cup. A professional story that is mixed with private life. The love of a beautiful and intelligent woman. And now Roma.
Climate. Get ready. You will not only find friends in Rome. You will find our rivals: Lazio. A rivalry so bitter to see the defeat of the opponent as a victory, even if with another opponent and insignificant for the ranking. You will find aggressive media that see Rome when she is really strong, uncomfortable. Or because they are media of Northern Italy, or because they have competing interests at the Stadio della Roma, or because they stir up the fire of the controversy in Rome (with so many very fragile Romanists because we came second 9 times in the last 18 years). But you will also find much love. You will find a full stadium ready to hug you. You will find a people that will recognize your value. The butcher, the greengrocer, the mechanic will inquire from you and will always have a word of encouragement.

As for the technical aspect, we need a defender (if Manolas should go away) and a midfielder who are doing the defensive phase well and who have run. The defender would pair with Fazio or Marcano, who are better at building play. Considering the departure of Manolas (who continues to consider him fundamental in Roma), we would have only one specific defender for the defensive phase that would be Juan Jesus. In short, a good defender in the defensive phase is vital. We also need a midfielder who has run and good at recovering the ball (for example I would pick up Frattesi and Luca Pellegrini are playing very well in the Under 20 World Cup), as well as a game builder like Veretout (for which Roma is moving to replace DDR) . Finally, if we want to fight for the Europa League and for a place in the Champions League, things that are within our reach, we need a couple of old players with international experience, who don’t shake their legs when the games become important and give courage to the other players .

The courage to be positive. In any case, if we want the good of Roma, we must be positive. Maybe it’s not fair to be crazy like me that I renewed in Curva Sud when I didn’t even know the coach. But the positive attitude is beneficial in every field, as shown by various university studies. If you love Roma, support her on social media, in training and during the game. On the other hand, the essence of the supporter is to support. Daje Roma!

Giordano Sepi

Good bye financial fair play

Salary cap. Innanzitutto fatemi fare un elogio del fair play finanziario. Se il calcio non ha creato (del tutto) una bolla speculativa catastrofica (come lo è stata ad esempio la bolla speculativa edilizia che ha dato inizio alla crisi economica del 2008), è merito del fpf, ma soprattutto ha creato un sistema più egualitario. Il fpf sta al calcio europeo come il salary cap sta al basket NBA. E’ l’ unico limite economico che hanno le squadre di calcio. Se vi sembra un elogio funebre, non vi state sbagliando. La non-sentenza UEFA sul Milan condanna a morte il fpf. C’ erano diversi segnali che facevano pensare questo e diverse conseguenze non per forza negative per la Roma.

La prima a festeggiare è il Manchester City, anche lei sotto inchiesta della UEFA. Come se qualche informazione fosse uscita fuori prima, in Italia, ci sono due club che stanno spendendo tanto come l’ Inter che sta comprando Barella e Dzeko e la Juventus che sembra (si dice) in trattativa per Pogba e Chiesa, dopo aver comprato Ronaldo nell’ anno scorso. Anche noi siamo liberi dai cervellotici conti del fpf e possiamo fare mercato liberamente. D’altronde se il Milan non viene punito, perché dovrebbe essere punita la Roma? A questo punto non dobbiamo più vendere nè Dzeko, a cui infatti è stato proposto un rinnovo triennale (o al limite scambiarlo con Icardi), nè Manolas, per me strutturale nel gioco della Roma, anche se per quest’ ultimo la decisione spetta a lui che ha messo una clausola rescissoria sul contratto. I preliminari di Europa League sono un ostacolo fastidioso. Si va in zone sperdute dell’ Europa, spesso con clima siberiano a luglio, con giocatori di scarsa tecnica, ma che giocano la partita della vita su campi di patate. Dovremo sempre tenere in considerazione il bilancio, è vero però che adesso possiamo essere più liberi .e senza paure di sanzioni.

Un paradosso. Paradossalmente se il Milan esce illeso dal giudizio del TAS, come abbiamo visto, per noi è meglio nel lungo periodo, però i presupposti mi preoccupano come cittadino (come romanista gongolo). Intanto perché questa situazione evidenzia la superiorità di un giudice su una federazione sportiva. Nessun giudice americano si sognerebbe mai di discutere l’autonomia della NBA, ad esempio. E poi perché il mercato sta impazzendo. Inter e Juventus hanno iniziato in modo molto aggressivo. La Roma si è adeguata. All’ estero, il City sta spendendo 70 mln per Rodri (centrocampista dell Atletico Madrid), il Real ha speso 60 mln per Jovic. Ovviamente dietro ci sono proprietari con ricchezze immense. Ma nel lungo periodo. potranno continuare a spendere centinaia di milioni senza rimetterci? Stiamo continuando a ordinare ostriche e champagne a St. Michel, ma prima o poi dovremo pagare il conto. Solo una vincerà la Champions e se sbagli stagione (e addirittura rimani fuori dalla Champions), sei fregato. Ci sarà una nuova crisi economica più pesante di quella del 2008? Riusciremo in qualche modo a reggere questo stato di cose, per me, insostenibile? Nella migliore delle ipotesi qualche club anche importante andrà in bancarotta. E la Roma? La Roma no perché è sempre stata attenta al bilancio e anche adesso che stanno tutti impazzendo, si sta muovendo con lucidità. Badate bene che io non voglio escludere nemmeno la possibilità che il TAS decida di punire il Milan. In questo caso il fpf rinascerebbe come la fenice. Ma il TAS ha la forza di fermare questa pazzia?

Salary cap. First of all let me give a praise of financial fair play. If football has not created (entirely) a catastrophic speculative bubble (as was the case for example with the building speculative bubble that started the 2008 economic crisis), it is thanks to the FPF, but above all it has created a more egalitarian system. The fpf is to European football as the salary cap is to NBA basketball. It is the only economic limitation that football teams have. If it sounds like a funeral eulogy, you are not mistaken. The UEFA non-judgment on Milan condemns the FPF to death. There were several signs that suggested this and different consequences, not necessarily negative for Roma.

The first to celebrate is Manchester City, also under investigation by UEFA. As if some information had gone out first, in Italy, there are two clubs that are spending as much as the Inter that is buying Barella and Dzeko and the Juventus that it seems (it is said) in negotiation for Pogba and Chiesa, after having bought Ronaldo last year . We too are free from the tortuos fpf sums and can do market freely. Besides, if Milan is not punished, why should Roma be punished? At this point we should no longer sell nor Dzeko, to whom in fact it has been proposed a three-year renewal (or at least to exchange him with Icardi), nor Manolas, estructural for me in the game of Roma, even if for the latter it is up to him who put a termination clause on the contract. The Europa League playoffs are an annoying obstacle. We go to remote areas of Europe, often with a Siberian climate in July, with players of poor technique, but who play the game of life on potato fields. We will always have to take the budget into account, but it is true that we can now be freer and without fear of sanctions.

A paradox. Paradoxically, if Milan comes out unscathed from the TAS judgment, as we have seen, it is better for us in the long run, but the assumptions worry me as a citizen (as a Romanist I am happy). Firstly, because this situation highlights the superiority of a judge over a sports federation. No American judge would ever dream of discussing the autonomy of the NBA, for example. And then because the market is going crazy. Inter and Juventus started very aggressively. Roma has adapted. Abroad, the City is spending 70 million euros for Rodri (midfielder of Atletico Madrid), Real spent 60 million euros for Jovic. Obviously behind there are owners with immense wealth. But in the long run. can they continue to spend hundreds of millions without losing out? We are continuing to order oysters and champagne in St. Michel, but sooner or later we will have to pay the bill. Only one will win the Champions League and if you miss the season (and even stay out of the Champions League), you’re screwed. Will there be a new economic crisis heavier than in 2008? Will we somehow be able to withstand this state of affairs, for me, unbearable? At best some even important clubs will go bankrupt. And the Roma? Not because it has always been attentive to the budget and even now that everyone is going crazy, it is moving with lucidity. Take care that I do not want to exclude the possibility that the TAS decides to punish Milan. In this case the fpf would be reborn as the phoenix. But does the TAS have the strength to stop this madness?

Giordano Sepi

Roma – Parma 2-1, De Rossi e un bilancio della stagione. Roma – Parma 2-1, De Rossi and a balance of the season.

E’ stata una partita giocata al piccolo trotto. Con troppi significati extrapartita per noi romanisti e senza motivazione per il Parma, con la salvezza già raggiunta. Nel prossimo paragrafo parleremo di Daniele, ma adesso fatemi parlare di Claudio Ranieri. In una situazione disperata, con un probabile declino finale, ha raccolto la sfida a casa sua, per la sua città e per la sua squadra. Ha cambiato la mentalità della squadra con un atteggiamento più attento in difesa. Ha fatto il possibile e, se fosse per me, gli avrei rinnovato il contratto anche per il prossimo anno. Quelle lacrime significano amore e la consapevolezza che non avrà più la possibilità di rappresentare i colori che tanto ama (io sinceramente spero che abbia un’ulteriore possibilità).

Daniele. Daniele sorride mentre tutti piangono. Cerca di consolarci col sorriso. Ha un carattere forte ed è ancora il più forte centrocampista al mondo (il più forte nell’attuale Roma). La squadra si affida a lui e lui, con carisma, gioca semplice con la consapevolezza di avere ancora i colpi del grande campione. E’ un giocatore ancora integro fisicamente e dalla qualità tecnica abbacinante che aumenta il rammarico per una scelta non solo cinica nei confronti suoi e di noi tifosi, ma anche stupida dal punto di vista tecnico. Non è un caso che prendiamo il gol di Gervy (che chiede scusa per amore per i nostri colori e i nostri tifosi riconoscono che lui ha fatto solo ciò che è giusto) arrivi quando il 16 è stato sostituito. Bellissima la coreografia della Curva Sud. Belli i nostri tifosi. Daniele lascia la fascia di capitano a Florenzi. Pellegrini segna nella sua partita d’addio come fece Daniele nell’addio di Totti. Ancora soffia il vento. Le bandiere a Roma sventolano ancora. Perotti ci fa vincere la partita come in quel Roma-Genoa 3-2 di due anni fa. E’ normale ripensare a quel giorno. Ci consola il fatto che quando ricorderemo questo triste giorno, ricorderemo una vittoria della Roma, come voleva Daniele, il nostro Capitano.

Arriviamo sesti. Meritiamo di arrivare sesti. Non abbiamo subito torti arbitrali, nè ci sono stati complotti contro di noi. Meritavamo questa posizione e questa posizione è stata. Ringraziamo Iddio che probabilmente il Milan verrà escluso dall’Europa e quindi partiremo dai gironi nell’Europa League.. Come ricordava Romanista Razionale su www.febbredaroma.it in un suo articolo: dobbiamo fare una cessione per 30/35 milioni prima del 30 giugno e senza Champions prima del 30 giugno 2020 dobbiamo già recuperare altri 40 milioni. E’ facile fare il paragone con il Napoli che con minori spese di noi si trova in una situazione migliore di risultati e di squadra (basta pensare che noi abbiamo ceduto Pjanic a 32 mln e loro Higuain a 93). La stagione è deludente e siamo tutti responsabili. Dal presidente, staff dirigenziale, staff tecnico al tifoso dell’ultima ora. Non è però tutto da buttare. Ad esempio, Pastore può essere valorizzato. La Roma ha una squadra di qualità, anche mettendo in preventivo alcune cessioni. Con una campagna acquisti ragionata (per me servono soprattutto testosterone e giocatori che recuperano palla a centrocampo) possiamo costruire una squadra in grado di competere per l’Europa League e lo scudetto. Daje Roma!

It was a game played on the little trot. With too many extragame meanings for us Romanists and without motivation for Parma, with the safety in Serie A already achieved. In the next section we will talk about Daniele, but now let me talk about Claudio Ranieri. In a desperate situation, with a probable final decline, he took up the challenge at his home, for our city and for our team. He changed the mentality of the team with a more attentive defense attitude. He did everything possible and, if it were up to me, I would have renewed his contract for next year as well. Those tears mean love and the knowledge that he will no longer have the opportunity to represent the colors he loves so much (I sincerely hope he has a further possibility).

Daniele. Daniele smiles while everyone cries. Try to console us with a smile. He has a strong character and is still the strongest midfielder in the world (the strongest in current Roma). The team relies on him and he, with charisma, plays simple with the knowledge that he still has the great champion’s shots. He is a player who is still physically intact and of a dazzling technical quality that increases the regret for a choice that is not only cynical towards him and us fans, but also stupid from a technical point of view. It is no coincidence that we take Gervy’s goal (who apologizes for his love of our colors and our fans recognize that he only did what is right) when the 16 was replaced. Beautiful the Curva Sud choreography. Our fans are beautiful. Daniele leaves the Florenzi captain’s armband. Pellegrini marks in his farewell game as did Daniele in Totti’s farewell. The wind is still blowing. The flags in Rome are still waving. Perotti makes us win the game like in that Roma-Genoa 3-2 two years ago. It is normal to think about that day. We are comforted by the fact that when we remember this sad day, we will remember a victory for Roma, as our Captain Captain Daniele wanted.

We arrive sixth. We deserve to arrive sixth. We have not been wronged arbitrators, nor have there been plots against us. We deserved this position and this position was. We thank God that Milan will probably be excluded from Europe and therefore we will start from the group stage in the Europa League. As Romanista Razionale on www.febbredaroma.it recalled in one of his articles: we must make a sale for 30/35 million before June 30 and without Champions before 30 June 2020 we must already recover another 40 million. It is easy to make the comparison with Napoli that with lower expenses than us is in a better situation of results and team (just think that we have sold Pjanic for 32 mln and they Higuain for 93). The season is disappointing and we are all responsible. From the president, managerial staff, technical staff to the last-minute fan. However, it is not to be thrown away. For example, Pastore can be enhanced. Roma has a quality team, including some transfers. With a reasoned buying campaign (for me, testosterone and players who recover the ball in midfield are mainly needed) we can build a team that can compete for the Europa League and the Scudetto. Daje Roma!

Giordano Sepi

L’avversario di domenica: il Parma. The opponent of sunday: the Parma.

La situazione. Raggiunta la matematica certezza dell’Europa League, rimane la flebile speranza di raggiungere anche la qualificazione in Champions in extremis. Intanto iniziamo non prendendo in considerazione il Milan che probabilmente verrà escluso dall’Europa. Per questo possiamo iniziare a sperare nella sconfitta contemporanea di Atalanta [in una strana partita in cui gioca in casa formalmente, ma in realtà per i lavori allo stadio di Bergamo, scegliendo come casa il Mapei Stadium del Sassuolo contro cui giocherà, diventa di fatto una partita in trasferta) e Inter ( che affronterà in casa l’agguerrito Empoli che sta raggiungendo un’insperata salvezza), oppure sperare di vincere 5-0 col Parma (nel caso l’Atalanta non perda, trovandoci al quarto posto con l’Inter) che è difficilissimo, però non poniamo limiti alla Provvidenza. Come potete capire siamo legati a risultati degli avversari anche abbastanza stravaganti.

Quindi perché dobbiamo vincere? Al di là della classifica e della qualificazione alla prossima Champions, è doveroso vincere per onorare al meglio la splendida carriera in giallorosso di quel grande romanista e centrocampista (l’unico vero centrocampista secondo Capello) che è De Rossi. Dobbiamo azzannare il campo. Voglio rabbia agonistica.

Il Parma gioca col 532 con il terzino sinistro (Di Marco o Gobbi) più offensivo del terzino destro (Gazzola). Kucka e Barillà fanno sia la fase difensiva che la fase offensiva. Il primo è pericoloso soprattutto con i tiri da fuori. Il secondo è pericoloso principalmente con i colpi di testa-. Siligardi è la seconda punta e Ceravolo è la prima punta, non molto alto, ma comunque molto bravo di testa. Facciamo attenzione.

Con uno stadio pieno, ma anche con un clima non del tutto amichevole, dobbiamo affrontare una partita importante per la classifica, ma soprattutto per salutare al meglio Daniele. E’ doveroso mettere in campo tutto quello che abbiamo. E’ doveroso vincere. Daje Roma!

The situation. Having reached the mathematical certainty of the Europa League, the faint hope of reaching even the qualification in Champions at the last minute remains. Meanwhile, let’s start by not considering Milan, which will probably be excluded from Europe. For this we can start to hope for the contemporary defeat of Atalanta [in a strange game in which he plays formally at home, but in reality for the work at the stadium in Bergamo, choosing the Mapei Stadium of Sassuolo against which he will play, become in fact a match as guest) and Inter (who will face the fierce Empoli at home who is reaching an unexpected keeping serie A), or hope to win 5-0 with Parma (if Atalanta does not lose, finding us the fourth place with the Inter) which is very difficult, but we do not set limits to Providence. As you can understand we are tied to the results of the opponents also quite extravagant.

So why do we have to win? Beyond the standings and the qualification for the next Champions League, it is right to win to best honor the splendid career in red and yellow of that great Roma player and midfielder (the only true italian midfielder according to Capello) who is De Rossi. We must bite the field. I want competitive rage.

Parma plays with the 532 with the left-back (Di Marco or Gobbi) more offensive than the right-back (Gazzola). Kucka and Barillà make both the defensive phase and the offensive phase. The first is dangerous especially with shots from outside. The second is dangerous mainly with head shots-. Siligardi is the second striker and Ceravolo is the first striker, not very tall, but still very good at the head. We pay attention.

With a full stadium, but also with a climate that is not entirely friendly, we have to face an important game for the standings, but above all to greet Daniele better. It is our duty to put into practice all that we have. It is our duty to win. Daje Roma!