L’avversario di giovedì: gli Young Boys.

I colori dello Young Boys sono i colori di Berna: il giallo e il nero. Berna è la capitale della Svizzera, ma è una città molto piccola con 133mila abitanti. In primo piano nel simbolo c’è un orso che è il primo animale trovato nella zona dal fondatore della città, Berthold V di Zahringer. L’etimo di Berna è però gallico è significa “fessura”.

L’allenatore spagnolo-svizzero Gerardo Seoane mette in campo i gialloneri di Berna con un 442 molto disciplinato. Costruiscono il gioco con Lustenberger, Rieder e Sierro. Sono pericolosi soprattutto sulla loro destra, nostra sinistra con Hefti, Fassnacht (destro) e Meschack(destro). In fase di costruzione, il peggiore è Zesiger, ma se lo andiamo a marcare, possiamo recuperare palla molto alti. In generale, non disdegnano scivolate ruvide e poco precise, ma noi non dobbiamo avere paura. Dobbiamo giocare come sappiamo, anche sperando che l’arbitro ci tuteli. Dobbiamo stare attenti anche a Ngamaleu (destro), soprattutto quando va verso il centro per tirare e Nsame (destro) che è il finalizzatore principale della squadra.

Tendono a cercare il dominio del campo, ma per il nostro atteggiamento e per le nostre maggiori capacità nel palleggio, avremo spesso la palla noi. In questo caso, possiamo aspettarci tentativi di contropiede, su cui dovremo stare concentrati. In generale, dobbiamo schiacciarli in difesa e buttare parecchie volte il pallone nel saccoccio, cosa ampiamente nelle nostre possibilità. Andiamo a vincere. Daje Roma!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian