Udinese-Roma 1-1 e Vitesse.

La Roma ha fatto 8 risultati utili di seguito. Dato di fatto. Sì, ma il gioco è spesso scadente. Il possesso è lento. Non c’è velocità e quindi efficacia nella manovra. Cristante e Sergio Oliveira insieme sono troppo lenti e pare una benedizione che Sergito sia squalificato per il Vitesse, dando una chance a Jordan Veretout. Dobbiamo essere più veloci, con più apertura mentale, con più fantasia nella costruzione, dove soffriamo troppo. Prendiamo gol dopo che più volte l’Udinese ci punge sulla loro destra, nostra sinistra (come avevo scritto nel prepartita). Bello il gol di Molina. Poi ci salva il solito Rui Patricio. Segniamo sempre solo da situazioni da corner. Una benedizione il rigore (netto come si vede dall’immagine), ma abbiamo prodotto veramente troppo poco.

Il fallo di mano di Zeegelaar. Dalla telecamera davanti si vede benissimo che prima Eldor stoppa il pallone di petto.

Arriviamo così al Vitesse con sensazioni principalmente negative, ma proprio per questo dobbiamo sostenere di più il club e la squadra deve trovare la forza per giocare meglio. Il ritorno col Vitesse si presenta come una partita in cui le aquili bicipiti giallonere verranno per imporre il loro gioco, dominare e conquistare l’Olimpico. Noi dovremo fare una partita principalmente difensiva e poi ripartire in contropiede. Segnare per primi potrebbe muovere la bilancia dalla parte nostra. In modo decisivo, se andremo sul 2-0.

Il prepartita dell’andata era abbastanza esatto. Gli Arnhemesi sono pericolosi con Wittek sulla loro sinistra e con i lanci lunghi di Bazoer. Attenzione anche agli inserimenti senza palla in attacco di Bero.

A Roma nei prossimi giorni non ci sarà solo Roma-Vitesse, ma anche l’incontro tra il Segretario di Stato Americano, Sullivan, e il responsabile per la politica estera del Partito Comunista Cinese, Yang Jiechi. Più della Russia, è la Cina la vera superpotenza con cui gli americani devono mettersi d’accordo. Questo periodo verrà ricordato come il tempo della globalizzazione. Ciò significa che tutti i paesi devono cercare di allargare i loro affari [in particolare per paesi come Cina, USA (e anche Italia), che hanno le maggiori entrate dell’esportazioni]. Questi tempi non ci permettono nemmeno di ragionare a compartimenti stagni. Una guerra fredda. e a maggior ragione una guerra calda, in cui la rabbia ha di meglio sulla ragione e si divide il mondo in modo arbitrario in due blocchi, porterebbe a tempi terribili e drammatici. Questo periodo così instabile nuoce all’economia della Cina e degli USA, che, da un nuovo periodo di stabilità, hanno solo da guadagnare. Confido che Cina, Russia, USA e Ucraina sappiano usare la ragione perché nel breve termine si raggiunga la pace in Ucraina e a lungo termine si stabilizzi un periodo di pace ed armonia per il mondo. L’apertura mentale in economia, ma anche nelle relazioni umane è necessaria nella vita e nel calcio.

Aprire la mente significa benessere individuale e collettivo, portare e proteggere la pace (anche mentale), giocare bene e vincere le partite. Daje Roma!

Giordano Sepi

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian