Istanbul Başakşehir – Roma 0-3

Si vede una differenza evidente tra le due squadre fin dai primi minuto. Il primo rigore su Zaniolo non è un evidente errore, il secondo è chiaro e viene giustamente assegnato. Jordan Veretout spiazza il portiere. 0-1. In generale, buona partita dell’arbitro.

Dopo i primi minuti ho trascritto sul mio cartellino: dopo l’infortunio, Pellegrini ha il ritmo partita, ma non ancora il piede (quanto non capisco un cazzo di calcio). Vado a prepararmi un panino alla curcuma con il prosciutto cotto e lui fa un lancio di 50 m. che mette Kluivert davanti a Gunok. 0-2. Poi ruba un pallone a Eporeanu e serve un cioccolatino a Dzeko (come dice Altafini). 0-3. Come Dzeko è drogato di gol, lui è un drogato di assist: insieme formano una miscela esplosiva. La Roma ha poi gestito la partita sotto lo sguardo di Erdogan (un po’ come fece Jesse Owens davanti a Hitler), in una vittoria che sa di rivincita per i curdi e per i tanti giornalisti messi in galera dalla pseudo-democrazia turca. La partita si chiude con i magici tifosi romanisti che cantano “Roma, Roma, Roma”. Passa in secondo piano il lancio della moneta verso Pellegrini che gli ha procurato una ferita sul capo. Mi aspetto comunque una punizione esemplare da parte della UEFA.

La Roma sembra una squadra matura. Ha grandi giocatori in difesa (forse non ho detto mai quanto mi piace la coppia Smalling-Mancini), grandi giocatori a centrocampo e in attacco. Siamo al 90% del caricamento dei sedicesimi, ma il crash è dietro l’angolo: veniamo eliminati solo se perdiamo in casa col Wolfsberg e i turchi battono i prussiani al Borussia Park. Toglierei dal campo in ogni caso l’ipotesi che il Wolfsberg venga qui per fare una scampagnata. Nonostante sono matematicamente eliminati, verranno per fare bella figura, probabilmente seguiti da tanti tifosi. Per questo, prepariamoci a una partita vera. La vittoria è ampiamente nelle nostre possibilità, anche di goleada.

E’ stata una giornata positiva per le squadre italiane con 5 vittorie (Juve-Atl,Madrid 1-0, Atalanta-Din.Zagabria 2-0, Slavia Praga-Inter 1-3, Lazio-Cluj 1-0 e la nostra vittoria) e 1 pareggio (Liverpool-Napoli 1-1). La Juventus è passata per prima. Paradossalmente, il Napoli ha più possibilità di passare il turno del Liverpool che non deve perdere a Salisburgo, mentre il Napoli avrà il Genk al San Paolo. L’Inter deve vincere col Barcellona, come già detto in uno scorso articolo. Noi e queste 3 squadre abbiamo nelle nostre mani il passaggio del turno, mentre l’Atalanta deve vincere a Donetsk e sperare che il City non perda a Zagabria, ma ha comunque ottime possibilità di continuare in EL. La Lazio (come l’Atalanta) deve vincere e sperare che il Celtic vinca in Romania. Obiettivamente gli aquilotti sono quelli che hanno meno possibilità di arrivare al prossimo turno.

Ora testa al Verona: la squadra rivelazione del campionato italiano. L’avversario è difficile e ha una tifoseria calda che sente la rivalità, ma la vittoria è alla portata. Daje Roma!


We see an obvious difference between the two teams from the first minute. The first penalty on Zaniolo is not an obvious error, the second is clear and is rightly assigned. Jordan Veretout displaces the goalkeeper. 0-1. In general, the referee do a good game.

After the first few minutes I have transcribed on my card: after the injury, Pellegrini has the game rhythm, but not the foot (as I don’t understand a fucking of football). I’m going to make myself a turmeric sandwich with ham and he makes a 50 m throw. that puts Kluivert in front of Gunok. 0-2. Then he steals a balloon from Eporeanu and serves a chocolate to Dzeko (like Altafini says). 0-3. As Dzeko is addict to goals, he is an assists’ addict: together they form an explosive mixture. Rome then managed the game under the watchful eye of Erdogan (a bit like Jesse Owens did in front of Hitler), in a victory that smacks of revenge for the Kurds and for the many journalists put in jail by Turkish pseudo-democracy. The game ends with the magic Romanist fans singing “Roma, Roma, Roma”. The coin thrown towards Pellegrini who has wounded him on the head goes in background. I anyway expect exemplary punishment from UEFA.

Roma looks like a mature team. He has great players in defense (maybe I never said how much I like the Smalling-Mancini double), great players in midfield and on offense. We are at 90% of the sixteenth rounds, but the crash is just around the corner: we are eliminated only if we lose at home with Wolfsberg and the Turks beat the Prussians at Borussia Park. In any case I would remove from the field the hypothesis that the Wolfsberg comes here to make a picnic. Despite being mathematically eliminated, they will come to make a good impression, probably followed by many fans. For this, let’s get ready for a real game. Victory is largely in our possibilities, even in goleada.

It was a positive day for the Italian teams with 5 wins (Juve-Atl, Madrid 1-0, Atalanta-Din.Zagabria 2-0, Slavia Prague-Inter 1-3, Lazio-Cluj 1-0 and our victory) and 1 draw (Liverpool-Napoli 1-1). Juventus arrived first. Paradoxically, Napoli has more chances to pass the Liverpool round which should not be lost in Salzburg, while Napoli will have the Genk at San Paolo. Inter must win with Barcelona, as mentioned in a previous article. We and these 3 teams have in our hands the passage of the round, while Atalanta must win in Donetsk and hope that the City does not lose in Zagreb, but still has a good chance of continuing in EL. Lazio (like Atalanta) must win and hope that Celtic win in Romania. Objectively, the eagles are those that have the least chance of reaching the next round.

Now head to Verona: the revelation team of the Italian championship. The opponent is difficult and has a hot fan that feels the rivalry, but the victory is within reach. Daje Roma!
Giordano Sepi